MASSIMO

 

GIARDINODELLEAROMATICHE

Le condizioni necessarie alla germinazione 

 

Presenza di ossigeno (il quale permette di demolire il glucosio e partecipa al processo di fotosintesi assieme alla luce) 

 

Acqua (che permette di riprendere i processi metabolici e, in tal modo , e' possibile la crescita dell'embrione )

 

La temperatura, la quale deve rientrare in un range compreso tra i 20 e i 24 gradi.

Ma anche altri fattori concorrono ad agevolare la germinazione, permettendo all'embrione in via di sviluppo di fuoriuscire dal tegumento particolarmente tenace e impermeabile.

Bagno di camomilla ai semi.

 

La camomilla e' molto utile perche' serve a disinfettare i semi e a rendere piu' morbida la scorza (tegumento) esterno.

Occorre preparare un infuso con la camomilla.

La dose di un bicchiere in infusione per 15 minuti.

Lasciare raffreddare e quando sara' a temperatura ambiente immergere i semi e tenerli a bagno per 24-48 ore (oltre e' inutile)

Questo sistema aiuta la germinazione per alcuni semi che hanno la scorza dura (tegumento).

Poi asciugare i semi con scottex e seminarli.

Per i semi rivestiti da uno spesso tegumento (semi duri)

 

Metodo artificiale detto frezzer cut per velocizzare il processo di stratificazione e preparare i semi alla germinazione.

 

                                                                      3 fasi

 

1 fase: in questa fase il seme viene immerso in un contenitore pieno d'acqua affinche' il tegumento possa idratarsi completamente.

 

2 fase: congelamento

Il seme ben idratato viene messo in una garza e posto in frezzer per 24-48 ore.

In questo l'acqua presente nel tegumento provochera' delle microlesioni sulla superficie del seme stesso.

 

3 fase: scongelamento e semina

Porre il seme a temperatura ambiente per circa 1 giorno per ripristinare una temperatura adeguata per i processi vitali del seme.

Dopo questa fase il seme puo' essere seminato secondo i metodi adatti alla pianta.

L'osmopriming

 

L'osmopriming consiste nel mettere in ammollo i semi per 24-48 ore al fine di attivare il processo di germinazione tramite l'uso di una soluzione a base di acqua demineralizzata e sale grosso da cucina.

Le dosi sono di 21 gr. di sale grosso per litro d'acqua (fate sciogliere bene il sale grosso). 

I semi vengono messi nelle condizioni di immagazzinare la quantita' di acqua necessaria alla germinazione.

In pratica la differente pressione osmotica tra il seme e la soluzione esterna spingera' le molecole d'acqua all'interno del seme attivando tutti i processi metabolici del seme.

Una volta tolti dalla soluzione lavarli molte volte con acqua demineralizzata per togliere eventuali residui di sale sulla superficie del seme che danneggerebbero inevitabilmente le radici.

 

Semi di Bambu' (Gigante)

 

Reidratare i semi in acqua per circa 24 ore prima di seminarli. 

Dopo averli reidratati, interrare i semi “in verticale” e solamente per metà: la parte del seme che contiene il cuore germinativo, ovvero quella più rotondeggiante, andrà interrata, mentre l’estremità più sottile andrà lasciata fuori dalla terra.

Per la semina sarà necessario utilizzare un substrato drenante, possibilmente composto da torba di ottima qualità, mescolata a sabbia di fiume

Per ogni vasetto, porre a dimora un solo seme.

Annaffiare periodicamente ma senza esagerare, possibilmente avvalendosi di uno spruzzino per vaporizzare l’acqua.

Assicurarsi sempre che nel pane di terra vi sia un buon drenaggio idrico, in modo da non creare pericolose marcescenze nei semi.

Sistemare il contenitore per la semina in una posizione luminosa, non a contatto diretto coi raggi solari, e mantenere umidità costante. La condizione di germinabilità ideale si raggiunge per mezzo di una serra dotata di coperchio in plastica. Nella serra si creerà il giusto clima e rapporto costante di umidità e temperatura, che dovrà essere il più invariato possibile, per permettere al seme di germinare.

Temperatura ottimale tra i 22-25 gradi

I germogli e successivamente le piantine, per i primi 6-8 mesi di vita, andranno mantenute a temperatura controllata e possibilmente in serra, in ambiente diffusamente luminoso non a contatto diretto con i raggi solari, per evitare che le foglie ingialliscano. Dopo questo periodo, e possibilmente in primavera, potranno essere trapiantate in piena terra.

 

 

Semi di Stevia Rebaudiana

 

Per i semi di steva il calore non deve essere ne inferiore ne superiore ai 20-25 gradi.

Aspetto fondamentale e' umidita' costante: i  semi una volta idratati, attivano una serie di (reazioni enzimatiche) che ne determinano la germinazione, se l'umidita' non e' costante, tali reazioni si fermano e il seme muore.

Si consiglia di poggiare i semi sul terreno e ricoprirli con uno strato molto fine di terriccio.

Umidificare con un nebulizzatore a spruzzo onde evitare di rimuovere i semi.

La stevia cambia la sua attivita' di crescita a secondo del terreno nel quale vive, se e' un terreno argilloso dara' foglie piu' piccole e con meno potere dolcificante e crescera' in altezza.

Se invece e' un terreno sciolto la pianta sara' piu' corposa, avra' foglie piu' grandi e un maggiore potere dolcificante.

In inverno muore la parte aerea della pianta in primavera rivegeta dalla parte basale.

 

Semi di Lycium Ruthenicum    ( Black Goji )

 

Cosa molto importante e' il terriccio deve essere morbido e di grana fine.

Utilizzare vasetti piccoli seminare 1 seme per vasetto, interrare il seme a non piu' di mezzo centimetro dalla superficie.

Rendere umido il terriccio utilizzando uno spruzzino .

Attenzione il terriccio deve essere umido non inzuppato.

La temperatura ideale per la germinazione e' tra i 22-25 gradi.

Una volta adulta e' una pianta poco esigente ma non sopporta i ristagni idrici. 

 

 

Curcuma

 

La prima cosa di cui dovete tenere conto è che la curcuma, in Italia, è adatta soprattutto come pianta d’appartamento; all’esterno dovrebbe essere coltivata soltanto durante la bella stagione, a meno che non viviate in un luogo temperato, con inverni molto miti. Questo perché la pianta non tollera bene temperature che scendono al di sotto dei 12-15° C. Le temperature ideali sono comprese tra i 20 e i 35° e il luogo ideale è una zona a clima caldo-umido.

Se coltivata in vaso, potrete dunque lasciarla all’esterno durante la stagione più calda, per posizionarla al riparo, durante i mesi invernali. Ricordate inoltre che deve essere esposta in un luogo luminoso, senza che i raggi solari la colpiscano direttamente.

Il terreno deve essere abbastanza soffice, ma anche leggermente acido e ben drenato. Un buon terreno è composto da torba, terriccio da giardino e sabbia. Il rizoma non deve essere interrato troppo, è meglio lasciare la parte superiore esposta all’aria; quando si cominciano a vedere i primi germogli si comincia ad annaffiare.

Il vaso deve consentire il corretto sviluppo della pianta che si presenta abbastanza alta. Partite da un vaso più piccolo, per poi cambiarlo al momento più opportuno.  Il rinvaso della pianta dovrebbe essere effettuato ogni 2-3 anni. Prestate attenzione a collocare la pianta in un posto in cui possa crescere senza piegarsi.

Se ben curata, la pianta in genere non è attaccata da parassiti e insetti. Il suo terreno, però, deve essere ricco, quindi quando la rinvasate, abbiate la premura di aggiungere un po’ di compost nel terriccio. Annaffiatela spesso, soprattutto nel periodo estivo, aspettando però che il terreno sia asciutto. Ricordate inoltre di evitare ristagni, per non fare marcire la pianta.

Semi di Perilla

 

La Perilla si può coltivare nell'orto, accanto all'insalata e ai pomodori, ma risponde benissimo anche alla coltivazione in vaso: ama il terreno fertile, l'umidità, cresce bene anche in pieno sole e ha la capacità di auto-seminarsi.
Essendo coltivata da moltissimi anni nel sud-est asiatico ce ne sono molte varieta, con foglie liscie o arricciate, verdi o sfumate di viola, sino al viola scuro. 
Come coltivazione è molto facile, i semi piccoli e rotondi germogliano senza problemi, la crescita è abbastanza veloce. Si può seminare a dimora o in contenitore se si vuole anticipare la coltivazione, sopporta bene i trapianti. Le piante hanno fusti robusti, le foglie sono opposte e nella varietà tipo cuoriformi e dentellate.
I fiori, bianchi e piccoli, su spighe lunghe una decina di cm, crescono nella tarda estate nella zona apicale